Mª Àngels Puertas: “Aixada Conserve è la fusione tra artigianato, agricoltura locale e la famiglia”

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Aixada Conserve

Aixada Conserve si tratta di una linea di tapenade in scatola gourmet, da sole o accompagnate ad altri cibi come le acciughe, oltre a marmellate e preparazioni vegetali. Inoltre, con questo marchio, offrono anche cesti di verdure fresche direttamente dai loro giardini.

Aixada Conserve è nata nel 2015 grazie al desiderio di Mª Àngels Puertas Badorrey e di suo marito di continuare con un’eredità tramandata di padre in figlio per tre generazioni.

Sebbene Mª Àngels abbia lavorato per quasi 40 anni nell’industria tessile, parallelamente si è sempre occupata di agricoltura e cucina, continuando per tutta la vita l’esempio della sua famiglia, dei contadini e degli allevatori.

Oggi, Aixada Conserve produce nel laboratorio comunitario di VEAMAT , l’incubatore delle aziende alimentari municipali del comune di Tagamanent. Lì hanno trovato la soluzione più economica e adatta per mettere in pratica le loro conoscenze e realizzare i loro sogni.

In TERRA Food-Tech® apprezziamo profondamente il lavoro che piccoli produttori e microimprenditori svolgono per mantenere, trasmettere e conservare la gastronomia locale. Per questo vogliamo raccontare la sua esperienza nel mondo delle conserve gourmet attraverso questa intervista in cui Mª Àngels ci racconta perché ha deciso di intraprendere, come lo ha fatto e quali sono stati i risultati della sua avventura.

Intervista con Aixada Conserve

Ma Àngels Puertas de Aixada Conservas con olivada.

Mª Àngels, dicci cos’è Aixada Conserve.

Aixada Conserve è il culmine di anni di dedizione di tre generazioni della stessa famiglia verso l’agricoltura, su piccola scala, e la produzione artigianale con ricette dei nostri bisnonni.

Perché il nome di Aixada Conserve?

Crediamo che rifletta tutto ciò che l’azienda rappresenta. Teniamo ancora le zappe dei nostri nonni per lavorare nel campo, che sono più vecchi di me, e io ho già più di 55 anni…

Infatti, coltiviamo ancora, non solo con questo strumento, ma come facevano i miei nonni. È un modo per onorarli, per ricordarli. Anche se non sono più con noi, la loro eredità sarà sempre con noi, siamo qui per loro. Abbiamo solo seguito le loro tracce.

Quali sono stati i motivi per cui hai deciso di avviare una piccola attività di conserve gastronomiche?

È stato un pura casualità. Da sempre facciamo conserve e amiamo cucinare, ma lo facevamo solo al chiuso, per la famiglia. E, per caso nella vita, questi prodotti sono finiti nelle mani di persone più specializzate che erano molto interessate a commercializzarli e abbiamo capito il loro potenziale.

Questo fatto è stata la scintilla, l’ultima spinta, per fare qualcosa che abbiamo sempre voluto fare, vendere i nostri prodotti.

Quali passi hai seguito?

In primo luogo, selezionare molto bene quale delle ricette che abbiamo sempre cucinato poteva essere più adatta al mercato.

Successivamente, sviluppiamo questi prodotti, ovvero li miglioriamo il più possibile prima che arrivassero sul mercato, il che ci ha messo quasi un anno.

E da lì, quando il prodotto è stato ben definito, è arrivato il momento di concentrarsi su tutto ciò che circonda il prodotto. Definire il marchio, l’etichettatura, trovare i fornitori di contenitori, fare uno studio di mercato per aggiustare il prezzo il più possibile… Ma la cosa principale era la qualità del prodotto stesso, e il resto è arrivato dopo.

Una volta definito il prodotto, era il momento di presentarlo al pubblico, siamo sempre stati chiari sul tipo di negozio in cui volevamo andare, uno molto specifico che avrebbe scommesso su prodotti di qualità e valorizzato il nostro prodotto, e quindi raggiunto il cliente finale che apprezza questo tipo di conserve, la qualità della materia prima, l’artigianalità e il lavoro che realmente svolge al suo interno.

Le conserve gastronomiche di Aixada Conserve si sono fatte strada attraverso questi negozi e anche attraverso le fiere in cui ci hanno invitato. Questo ci ha permesso di conoscere tante persone, che ci hanno consigliato a parenti e conoscenti e hanno aperto le porte ad altri negozi dove normalmente fanno acquisti. Ciò che questo dimostra è che i nostri prodotti sono molto popolari.

Cosa ti è costato di più al momento di intraprendere?

Ciò che è più complicato sono gli ostacoli che ti pone l’Amministrazione. Così come abbiamo incontrato, anche all’interno dell’Amministrazione, persone che ci hanno aiutato molto a livello personale, la burocrazia di avviare un’impresa o intraprendere un progetto come questo è così monumentale che se non sei molto convinto è facile renunciare, gettare la spugna.

Alla fine ti rendi conto che tutto questo discorso politico sull’aiutare gli imprenditori che abbiamo sentito tante volte rimane lettera morta perché né arribano questi aiuti né facilitano nulla. A livello fiscale in Spagna, la crudeltà che le piccole imprese subiscono in questo caso è assolutamente selvaggia quando sono loro che possono finire per impiegare molte più persone.

Cosa implica e/o significa per te la decisione di intraprendere?

La decisione di intraprendere non è stata solo motivo di orgoglio per poter dire che quello che all’inizio era un sogno è diventato realtà, ma è anche una crescita personale dovuta al numero di persone che abbiamo conosciuto e chi ci ha trasmesso un feedback così positivo, che non ha prezzo. Siamo molto grati per l’accoglienza che abbiamo sempre ricevuto, sappiamo di essere stati molto fortunati ad incontrare persone così belle che ci hanno aiutato molto.

Dove possiamo trovare Aixada Conserve?

Non abbiamo un punto vendita fisso proprio perché abbiamo quello spirito di produttori, trasformatori. Anche se non escludiamo di finire per fare questo ultimo passaggio che ci manca con il completamento di un negozio fisso. Senza dimenticare che noi ci dobbiamo, non solo al cliente finale, ma anche ai negozi che hanno optato per noi. Se siamo arrivati fin qui è grazie a loro.

Tutti questi negozi possono essere trovati nel nostro pagina web e anche sui nostri social (@aixadaconserves), dove pubblicizziamo i nostri prodotti e quelli di altri tanti buoni come i nostri, oltre a ricette facili da realizzare e molto appetitose.

Inoltre, ogni sabato mattina abbiamo una fermata fissa al mercato di prossimità in Plaza de la Corona di Granollers e partecipiamo ad altri mercati e fiere occasionale.

Aixada Conserve produce le sue conserve gastronomiche nel laboratorio condiviso del comune di Tagamanent (VEAMAT). Come sei venuto a conoscenza di questa iniziativa e perché l’hai scelta?

Abbiamo conosciuto questa iniziativa attraverso Earth Products Network. A quel tempo stavamo cercando un laboratorio con un soggiorno non permanente, simile a quello di Tagamanent. Potremmo dire che, ancora una volta, tutto è stato grazie alla casualità. È stata una coincidenza che sia apparsa al momento giusto e che abbiamo trovato le persone giuste che ci hanno offerto questa possibilità.

Tagamanent per noi, in questo caso il Consiglio Comunale e, soprattutto, Ignasi, il suo sindaco, saranno sempre parte della nostra crescita e terremo sempre loro affetto ed eterna riconoscenza. Magari altri comuni prendesseno nota di iniziative come VEAMAT.

Quali problemi hai dovuto affrontare durante la preparazione delle conserve?

La nostra produzione è completamente artigianale. Partendo da questa base e considerando che non abbiamo aggiunto nessun tipo di additivo o conservante non naturale, all’inizio siamo stati esposti ad alcuni problemi. Problemi derivati dall’ingresso di aria in alcuni contenitori, di trovare la temperatura ideale di conservazione, la selezione ottimale di ogni ingrediente in modo che non si interferiscano tra loro… E finalmente siamo arrivati ad un punto di eccellenza grazie alla padronanza dell’autoclave e al controllo dell’acidità delle nostre elaborazioni. Il controllo della sterilizzazione in autoclave è stato essenziale per ottenere il nostro prodotto finale.

Elaboración de Aixada Conservas con las autoclaves TERRA Food-Tech.

Quali passaggi hai dovuto seguire per risolverlo?

Avevamo già una certa esperienza con la questione della conservazione tradizionale. Tuttavia, ci siamo resi conto che avevamo bisogno dell’aiuto di un tecnico alimentare per risolvere molte delle nostre domande. Infine, con l’ingresso dell’autoclave nel laboratorio di Tagamanent, abbiamo incontrato Albert, il tecnico collaboratore di TERRA Food-Tech®, che ci ha aiutato a raggiungere un livello ottimale di controllo delle nostre preparazioni.

Pensi che il mondo delle conserve gourmet sia un’opportunità di business?

La decisione di dedicarsi a questo settore non è stata perché sì. Veniamo da una strada lunga, anche se non commerciale, ma da processi di inscatolamento che ci regalano una certa esperienza che potremmo dire parte di noi.

Crediamo che sempre più persone scommettano su prodotti locali e naturali. Sanno e sappiamo che hanno un impatto molto positivo sulla nostra salute e che, allo stesso tempo, non sono esenti dalla massima qualità per il palato. Alla fine, le persone che acquistano un cibo vogliono che sia buono e se, in più, è sano, meglio che meglio.

Che consiglio daresti a quella persona che, come te, vuole entrare nel mondo delle conserve gourmet?

Pazienza, esigenza con se stessi e buona volontà. Il resto è secondario. Se metti queste cose sul tavolo, le sinergie positive con altre persone arriveranno da sole.

Grazie mille Mª Àngels di Aixada Conserve per aver accettato questa intervista. Ti auguriamo buona fortuna per la tua avventura, in bocca al lupo!

Torna su